Giuseppe Di Vittorio si trova costretto ad abbandonare presto la scuola per andare a lavorare nei campi. Cresciuto, sarà il primo lavoratore a organizzare uno sciopero per i diritti dei braccianti.